Self-Broadcasting: possedere un beacon e nemmeno saperlo!

Quante sono le volte che su beaconitaly abbiamo discusso riguardo alle varie tipologie di beacon o alle loro caratteristiche. Oggi invece vogliamo parlare di un’aspetto molto interessante: il self-broadcasting, ovvero la possibilità di rendere il proprio dispositivo mobile un trasmettitore beacon!
Sin dal rilascio del iOS7, è possibile trasformare i prodotti Apple in trasmettitori beacon, senza dover quindi acquistare un beacon fisico. Ovviamente, per fare ciò, bisogna rispettare i soliti requisiti, ovvero la presenza del Bluetooth 4.0 sul proprio dispositivo (per sapere se avete il Bluetooth 4.0 installato, controllate la nostra pagina sui devices compatibili).
Come fare per rendere il mio dispositivo un beacon?
Il metodo “ufficiale” è iscriversi come uno sviluppatore di programmi Apple, scaricare i tool di sviluppo e poi l’AirLocate: in pratica un percorso lungo, per il quale ci vuole una certa esperienza o malizia informatica.
Esiste, invece, una maniera più rapida e comoda: utilizzare alcune app specifiche! Ne esistono diverse nell’app store, noi di beaconitaly vi consigliamo l’utilizzo dell’app Beacon Bits della ChaiONE.
Il vantaggio di questa app è che non si deve fare niente per poter trasformare il proprio dispositivo in un beacon; basta pigiare su Broadcast nella schermata iniziale che essa subito comincerà a trasmettere. Tramite le impostazioni è anche possibile modificare i major e minor del proprio dispositivo, e volendo anche l’UUID e il nome del beacon. L’estrema semplicità d’utilizzo dell’app compensa l’impossibilità di modificare il raggio d’azione. Ah, dimenticavamo di dirvi che è un’app gratuita!

L’opzione di trasformare il proprio dispositivo in un beacon è utile soprattutto per gli sviluppatori, che possono provare i propri programmi senza possedere un kit beacon di sviluppo, e agli utenti comuni, per sperimentare le varie piattaforme di creazione contenuti che stanno nascendo con lo sviluppo della tecnologia beacon!

P.s.
Questa possibilità esiste pure per Android, seppur limitata agli ultimissimi smartphone LG Nexus: per questo nell’articolo parliamo solo dei prodotti Apple.

 

IMG_0131 La schermata iniziale dell’app Beacon Bits

 

Piccola guida sulla calibrazione dei beacon
Crea un trasmettitore beacon con Raspberry Pi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.