Tag : ibeacon

post image

Beacon B03 della iBlio

Torniamo ad occuparci dell’hardware beacon, e questa volta abbiamo analizzato il nuovo modello B03 della torinese iBlio, con specifiche Eddystone e iBeacon.

Il beacon si presenta di medie dimensioni, di forma quadrata, con due fori sul case per il passaggio delle viti di installazioni. Come già detto, il salto di qualità nel case, rispetto ai primi modelli, è evidente. Il beacon si preannuncia resistente e con una buona impermeabilità che lo rende adatto anche ad un uso esterno, nonostante il modello non abbia particolari accorgimenti. Per quanto riguarda la funzionalità hardware, il modello risulta essere molto completo e con alcune funzionalità aggiuntive particolarmente interessanti. Considerando la parte Eddystone, grazie al frame TLM, si possono controllare: carica della batteria, temperatura interna del dispositivo, contatore advertisement (ovvero il numero di segnali inviati dalla sua accensione) e da quanto tempo esso è acceso; sul resto interessante anche la monodirezionalità dell’antenna, che invia il segnale in una sola ed unica direzione.

La batteria, invece, risulta essere la parte più debole del dispositivo. Il beacon utilizza una coin battery da 3V CR2477N, con una durata prevista di 1 anno. Un’autonomia un po’ bassa considerato le alte autonomie riscontrate per altri modelli, in parte però giustificata dall’alto numero di informazioni inviate. Qualche problema, invece, viene dato dall’alloggiamento della batteria. In fase di rimozione, infatti, estrarre la batteria comporta una pericolosa piegatura della circuteria, e per evitare il rischio di frattura abbiamo dovuto smontare l’intero blocco-circuito.

Lasciamo la parte operativa e concentriamoci sulla configurabilità e programmazione. Per quanta riguarda la configurabilità, nonostante l’assenza di un’app dedicata sviluppata da iBlio, essa risulta eccellente, in quanto il beacon dialoga benissimo con tutte le app esistenti sugli store. Purtroppo non ci risultano rilasciati gli SDK per la programmazione, facendo risultare più complesso questo aspetto.

In conclusione, il modello della iBlio, nonostante alcuni difetti come la batteria, risulta essere un beacon molto funzionale e soprattutto versatile. I molti sensori sensori installati hanno il pregio di rendere il beacon molto tecnico, adatto ai contesti in cui è necessario il costante controllo delle prestazioni. Questa qualità giustifica ampiamente il prezzo superiore rispetto ai beacon della stessa categoria.

Hardware: 9/10

Case e resistenza: 6,5/10 (8,5 per il case, 5 per il blocco batteria)

Configurabilità: 9/10

Programmabilità: n.d.

Qualità/prezzo: 8,5/10

Voto finale: 8/10

Beacon B03

post image

Eddystone, il nuovo formato Google

Il 16 Luglio 2015 Google ha rilasciato il nuovo formato Eddystone, in grado di ampliare le funzionalità dei beacon, e di conseguenza, anche la loro possibilità di utilizzo.

Che cosa è Eddystone?

Descrivendolo in poche parole, Eddystone è l’unione tra i formati iBeacon e Uribeacon in un solo formato: in pratica, l’evoluzione che ci aveva già anticipato Valter Foresto di iBlio in una nostra intervista ad aprile. Con Eddystone, quindi, si semplifica la programmazione, in quanto essi “dialogano” in un linguaggio comune.

Vediamo come funziona. Premetto subito che per l’utente finale (ovvero, chi riceve le notifiche), le differenze non saranno visibili: Eddystone, infatti, non modifica il modo con cui si ricevono le notifiche. Diverso invece il discorso per chi programma.

Eddystone si compone di tre grandi pacchetti: il E-UID, che ricalca il formato iBeacon; il E-URL, riguardante la parte Uribeacon; e d infine il E-TLM, la cui funzionalità spiegherò più tardi. Devo inoltre aggiungere che Eddystone è open source, al contrario del formato iBeacon; inoltre la prima è nativa sia per Android che iOS. Ciò comporta possibilità di personalizzazione molto più ampie rispetto ai formati iBeacon, utili soprattutto in contesti ambientali particolari, come, ad esempio, quello industriale o di software integrato.

Il pacchetto E-UID include una novità molto importante: la stringa di codice inviata da un beacon formato Eddystone è differente rispetto ad uno formato iBeacon. La stringa E-UID infatti è formato da due elementi: il Namespace, di 10byte, e l’Instance, di 6byte, per un totale di 16byte, mentre l’iBeacon ne ha tre: UUID (16byte), Major (2byte) e Minor (2byte), per 20byte totale. Il Namespace corrisponde, nella funzione, all’UUID, mentre l’Instance svolge la stessa funzione del Major e Minor. Questo comporta un codice più snello, anche se meno articolato rispetto a quello della Apple. Come per il formato iBeacon, per leggere le notifiche E-UID è necessaria un’app che riconosca il codice e attivi i contenuti ad esso associati.

Il pacchetto E-URL si caratterizza, invece, per una voce molto semplice: URL. Questo perché l’E-URL, riprendente il formato Uribeacon lanciato dalla stessa Google, deve compiere una sola azione: trasmettere un sito web ai dispositivi degli utenti. La dimensione della stringa, quindi, è direttamente proporzionale alla lunghezza dell’url desiderato. Per poter leggere un E-URL è necessario uno scanner per il Physical Web (qui una versione iOS e qui Android).

Il pacchetto più interessante è il E-TLM. Essa consente la gestione di un’intera flotta di beacon, per tutti quegli aspetti riguardanti la manutenzione e il loro stato di salute. Sono pacchetti di data inviati in aggiunta al classico segnale beacon, leggibili soltanto dal proprietario del dispositivo, o da chi si occupa della manutenzione. Questi pacchetti di dati includono informazioni riguardo alla stringa (o URL) trasmessa, ma anche altri aspetti quali la temperatura interna del beacon, la condizione della batteria e altri dati ancora, a seconda del sensore presente all’interno del beacon. Un sistema che agevola enormemente il lavoro a chi si occupa di beacon, soprattutto in caso di un gran numero di dispositivi. Inoltre, questo pacchetto permette l’integrazione con la Proximity API e la Nearby API di Google, con la possibilità di accedere ad informazioni riguardanti il beacon specifico contenute all’interno dei Cloud di Mountain View.

In conclusione, Eddystone non è quel sistema rivoluzionario annunciato da molti, ma un formato che racchiude quelle funzioni più volte invocate dagli sviluppatori e dagli esperti marketing. Esso infatti non cambia il rapporto dell’utente finale nei confronti del beacon, ma il modo di lavorare con essi.

Siamo curiosi di vedere la risposta di Apple a questo nuova uscita di Big G.

Contatti

Janus s.r.l.
via Speranza, 35
40068 S. Lazzaro di Savena
Bologna

Tel:. 051 6277711
Fax: 051 6277701
marketing@beaconitaly.it
P.I. e C.F. 01857771206
Registro Imposte Bologna 26936/98
Cookie Policy
Privacy Policy